Il 31 ottobre la XIII Giornata dei volontari 2020 online

Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia in Italia, si tiene anche quest’anno la tradizionale Giornata delle associazioni di volontariato che sostengono progetti in Terra Santa, giunta alla sua XIII edizione.

L’incontro annuale dei volontari italiani della Terra Santa si svolge la mattina di sabato 31 ottobre, a partire dalle ore 9.30 (fino alle 12.30 circa), interamente online e nella lingua italiana. Le recenti disposizioni governative italiane, infatti, impediscono di riunirsi a Roma e svolgere in presenza l’incontro, ma un ricco programma di formazione e riflessione è a disposizione di tutti gli amici della Terra Santa.

Il titolo della Giornata, promossa dalla Fondazione Terra Santa di Milano, è: «Ero straniero…  L’opera dei francescani a sostegno di profughi e migranti». La realtà tragica di tante persone in fuga dalle guerre in Medio Oriente, di chi resta bloccato dalle barriere di filo spinato, o di chi - solo o con i propri familiari - muore in mare…tutto questo ci interpella.

Il primo intervento è di padre Camillo Ripamonti, gesuita, presidente del Centro Astalli che ci propone una riflessione che parte proprio dalle parole di Gesù «Ero straniero e mi avete accolto». A Roma e in altre città italiane da quarant’anni il Centro Astalli assiste i richiedenti asilo e promuove una cultura dell’accoglienza e della solidarietà.

Il professor Maurizio Ambrosini, sociologo dell’Università di Milano ed esperto dei fenomeni migratori, in particolare nel nostro Paese, tiene una relazione dal titolo «L’invasione immaginaria. Oltre le narrazioni correnti delle migrazioni e dell’asilo in Italia».

Seguono due testimonianze di alcune importanti attività concrete che i frati della Custodia di Terra Santa svolgono in favore di migranti e profughi. Da Beirut Fr. Firas Lutfi, frate minore e superiore della Regione San Paolo, ci parla del dramma senza fine dei profughi siriani in Libano. La Siria, lacerata da quasi un decennio di guerra, ha milioni di sfollati e profughi. Il Libano, sempre più indebolito al suo interno, in questi anni ha dato riparo a quasi un milione di persone che hanno affrontato enormi difficoltà.

Fr. John Luke Gregory, anch’egli frate della Custodia e responsabile della missione nelle isole greche di Rodi e Cos, in collegamento da Rodi parlerà dell’aiuto dato a chi cerca di raggiungere le isole dell’Egeo dalla Turchia, in particolare i minori non accompagnati.

A conclusione della Giornata possiamo ascoltare le parole di Fr. Francesco Patton. Il Custode di Terra Santa, traendo spunto anche dalla nuova enciclica di papa Francesco, Fratelli tutti, ci offre una riflessione sul tema della fraternità e dell’impegno della Custodia nelle terre toccate da conflitti violenti.

Le insolite modalità dell’incontro non consentono, purtroppo, di svolgere interventi di presentazione e scambio da parte delle associazioni che partecipano e di celebrare la Santa Messa per la Terra Santa. Ma confidiamo che, anche a distanza, tanti si uniscano in un momento formativo, di crescita e vicinanza spirituale.

Per i dettagli del programma e l’iscrizione: https://bit.ly/2TwomDS

Qualche ora prima dell’inizio, riceverai una e-mail con il link per partecipare.