Una borsa di studio per restare in Terra Santa

GEORGE HLEIS
Ho finito di studiare l’anno scorso psicologia alla Hebrew University…proprio là, sul Monte degli Ulivi.
Mi chiamo George, ho 23 anni, vivo nel quartiere cristiano della Città Vecchia, sono un cristiano cattolico.

L’obiettivo è chiaro: permettere ai cristiani locali di studiare nella propria terra, evitare che decidano di spostarsi all’estero per formarsi e poi, magari, per vivere.
Tra i tanti modi con cui la Custodia di Terra Santa si impegna a sostenere la popolazione cristiana locale ci sono le borse di studio, in particolare quelle destinate a finanziare il percorso universitario dei giovani.

GEORGE HLEIS
Ci sono molti ragazzi che non amano la situazione attuale, vorrebbero andare all’estero per trovare opportunità migliori. Anche io ho pensato di andare fuori, di andare a studiare teologia negli Stati Uniti, ma amo la terra di Gesù, amo stare nella terra in cui Gesù ha vissuto. Se tutti i cristiani vanno via, nessuno rimarrà qui.

Fr. RAMZI SIDAWI, ofm
Economo Custodia Terra Santa
Nella maggior parte dei casi chi è andato a studiare fuori non è più tornato qui a vivere. La Custodia vuole aiutare tutte le persone a rimanere in questo paese, soprattutto i giovani cristiani. Il primo passo era quello di offrire loro il curriculum scolastico ordinario a basso prezzo attraverso le nostre scuole, il secondo passo è rappresentato dalle università.

Ogni anno sono 500 le borse di studio complessivamente erogate, sostenute da due differenti programmi. Economia, Scienze, Medicina, Ingegneria i percorsi di studio più ambiti.

Fr. RAMZI SIDAWI, ofm
Economo Custodia Terra Santa
I nostri studenti oggi sono aperti a tutte le università: abbiamo notato negli ultimi anni che c’e’ una tendenza sempre maggiore da parte dei nostri studenti cristiani di Gerusalemme ad andare all’Univeristà ebraica o comunque nel mondo ebraico di Israele. Ma rimane l’apertura anche alle università palestinesi, soprattutto l’università di Betlemme, di Birzeit e di Jenin per le specializzazioni che offrono. Ecco, quello che attira maggiormente i giovani sono le specializzazioni, e poi la facilità di trovare lavoro.