Sacra Famiglia di Nazaret, un esempio di amore

Chiamata “Santuario della vita” e “Chiesa domestica”, la famiglia è stata il mezzo scelto da Dio per portare Gesù nel mondo. Secondo il Vangelo di Matteo, un angelo apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: “non avere paura di ricevere Maria in sposa, perché colui che è stato concepito in lei viene dallo Spirito Santo”. E la famiglia di Nazaret è diventata un esempio per il mondo.

Fr. BRUNO VARRIANO, ofm
Guardiano e Rettore della Basilica dell’Annunciazione - Nazaret
“Al giorno d’oggi è davvero necessario contemplare una Famiglia Santa di Nazaret. Oggi viviamo il relativismo. Ma soprattutto è necessario contemplare i valori familiari, valori umani, non solo spirituali di questa famiglia: di un padre che lavora, di un padre che si prende cura di questo figlio di Dio, che è pur sempre figlio suo giuridicamente, e che è stato donato da Dio a San Giuseppe; di Maria che si prende cura del suo sposo e di suo figlio. I valori di una famiglia che aveva la difficoltà di svegliarsi al mattino e andare a lavorare nella città di Seforis. Anche loro vissero l’esperienza di rifugiati, dovendo fuggire da re Erode per andare in Egitto. Molte famiglie oggi sono costrette a emigrare a causa della guerra, a causa delle difficoltà nel lavoro. Questa Sacra Famiglia di Nazareth è un autentico esempio”.

La festa della Sacra Famiglia si celebra nell’ambito dell’Ottava di Natale e ci incentiva a approfondire l’amore familiare anche in mezzo alle difficoltà attuali e a prendere come modello Gesù, Maria e Giuseppe.

Nella Basilica dell’Annunciazione francescani, pellegrini, cristiani locali e coppie che celebravano le nozze d’argento o d’oro si sono riuniti per la messa presieduta da Fr. Francesco Patton, Custode di Terra Santa. L’omelia è stata pronunciata da Fr. Marwan Di’des, Parroco di Nazaret, che ha evidenziato la commemorazione giubilare della vita matrimoniale e ha detto: “Da dove viene la parola Giubileo? Viene dalla Bibbia. Dio dà al popolo la legge da seguire e queste leggi costituivano una organizzazione di vita. Non solo per la legge, ma attraverso la legge, Dio conduceva il suo popolo alla santità. Per questo ogni 49 anni cadeva un anno giubilare consacrato al Signore”.

Alla fine della messa tutti sono usciti in processione in direzione del luogo in cui la Sacra Famiglia ha vissuto e hanno ricevuto la benedizione.

LORENA CAVALCANTE GADELHA DE OLIVEIRA
Comunità Cattolica Shalom
“In questo luogo credo che sia molto forte per noi vedere come la Sacra Famiglia si faceva condurre da Dio. Credo quindi che in primo luogo la famiglia nasca da questo sì, la sacra famiglia nasce dal sì a Dio di accogliere e incarnare la volontà di Dio nella propria vita”.

MATHEUS CORRARO MOREIRA
Seminarista
E’ una cosa molto speciale prendere parte alla celebrazione della Sacra Famiglia in questo luogo in cui vissero e abitarono, in cui anche noi possiamo sperimentare questa spiritualità di Nazaret”.