Gerusalemme: il Presidente Bolsonaro in visita al Santo Sepolcro

Nei quattro giorni di visita ufficiale in Israele, il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha voluto visitare la città vecchia di Gerusalemme e il Santo Sepolcro, per una visita guidata. Accompagnato da Fr. Bruno Varriano, guardiano del Convento di Nazareth, il Presidente brasiliano ha visitato uno dei luoghi cardine della cristianità seguendo il protocollo previsto per le visite presidenziali.

La visita, durata circa 50 minuti, è iniziata con l'accoglienza da parte dei rappresentati delle tre confessioni che custodiscono il Sepolcro: Greci-Ortodossi, Cattolici Latini e Armeni. Subito dopo i saluti, guidato da Fr. Bruno, il presidente Bolsonaro ha poi iniziato la visita dalla Pietra dell'Unzione dove gli è stata fatta una breve introduzione storico-archeologica della struttura della Basilica.

Il momento più intenso è stato presso l'Edicola del Santo Sepolcro, dove è entrato, seguito dalla delegazione brasiliana e dai pellegrini che si sono fermati per l'occasione. "Dentro la tomba vuota, dopo le spiegazioni" ha raccontato Fr. Bruno "ho elevato a Dio una preghiera per il Presidente e per il Brasile. Bolsonaro era commosso e ha rivelato di essere stato molto colpito dall'atmosfera spirituale del Sepolcro".

Dopo l'Edicola il gruppo ha proseguito la visita all'interno della Cappella latina dell'Apparizione di Gesù a Maria sua Madre, in cui i francescani hanno voluto donare al Presidente un oggetto di produzione locale in Madre Perla subito prima di guidarlo verso il Calvario.

Il giro è terminato presso la Cappella di Sant'Elena, luogo non previsto dal protocollo della visita ufficiale, e si è conclusa con i saluti ufficiali delle tre comunità accoglienti. "Nella visita abbiamo parlato molto" ha dichiarato Fr. Bruno Variano "ha richiesto di pregare per lui e per il Brasile, sopratutto per coloro che non sono d'accordo con lui, affinché possa regnare la pace".

Giovanni Malaspina