La Chiesa di Gerusalemme celebra la solennità dell'Ascenzione

La solennità dell’Ascensione è festa di precetto nella diocesi di Gerusalemme. Sono anche feste di precetto: la Natività, l’Epifania e l’Assunzione della Vergine. Queste feste si celebrano nel loro proprio giorno. L’Ascensione cade quaranta giorni dopo la Pasqua, secondo quanto indicano gli Atti degli Apostoli (1, 3) il giovedì della sesta settimana del tempo pasquale.

I frati francescani della Custodia di Terra Santa il mercoledì mattina 4 Maggio si sono preoccupati di piantare le tende intorno all’edicola dell’Ascensione sul Monte degli Olivi. Le nostre tende sono generalmente tre: una funge da sacrestia, l’altra per il riposo dei frati e la terza per i laici che aiutano i frati, infine viene sistemato un fornello a gas.

Quest’anno le tende hanno quasi preso il volo a causa del forte vento che c’era all’ora dell’Ingresso e dei Vespri (4:30 p.m.). Dopo una breve pausa c’è stata la compieta e alle 11 della sera si è celebrata la Vigilia della festa. Il diacono nella parte finale della celebrazione ha cantato il Vangelo prima del Te Deum. Dopo la mezzanotte si sono succeduti diversi gruppi di sacerdoti e pellegrini nella celebrazione dell’eucaristia fino alle 9:30 del mattino, quando è stata celebrata la Messa solenne, presieduta dal Vicario Custodiale P. Artemio Vítores. Il servizio liturgico è stato invece assicurato dagli studenti del Seminario filosofico-teologico di San Salvatore in Gerusalemme.

Sempre questi giovani frati hanno garantito la loro presenza anche durante le ore notturne.
Così è stata celebrata l’Ascensione di Nostro Signore Gesù Cristo al cielo nel giorno del suo anniversario e nel luogo dove è avvenuta.
Al termine della Messa le tende sono state smontate. I Frati si preparano quindi a celebrare, nella Basilica della Risurrezione, la festa del ritrovamento della Santa Croce.