Settimana di Unità dei Cristiani: " La giustizia, solo la giustizia seguirai"

Unity Prayer
Unity Prayer

Le chiese di Gerusalemme si sono riunite dopo le celebrazioni del Natale per la settimana dell'Unità dei Cristiani. 

Il tema della Settimana di Preghiera di unità "giustizia, solo la giustizia seguirai" (Deuteronomio 16, 18-20) è stato scelto dai cristiani che vivono in Indonesia, al fine di orientare la preoccupazione delleChiese verso la realtà ingiusta in cui viviamo. Violenza, ingiustizia e oppressione sono presenti ovunque nel nostro mondo "e oggi noi, discepoli di Cristo, siamo chiamati ad essere un assaggio del Regno di Dio" dice il documento con cui viene presentato il tema. Solo insieme la testimonianza può essere credibile e dare i suoi frutti.

Gerusalemme, per la sua ricchezza di chiese Cristiane presenti sul territorio e per la sua storia, è un luogo centrale per le relazioni ecumeniche e lo dimostra il programma nutrito di incontri diversificati nella lingua, tradizione, storia e liturgia. Greci ortodossi, Anglicani, Armeni, Luterani, Cattolici latini, Copti, Etiopi e Greco cattolici hanno ospitato e guidato le liturgie della settimana.

Il tema centrale è stato sviscerato da tutti i capi religiosi di Gerusalemme attraverso le letture e i brani del Vangelo proposti all'assemblea di partecipanti. "L'ecumenismo vuole farvi seguire Dio come modello" ha detto il pastore luterano Wolfgang Schmidt durante la sua omelia "il tema di quest'anno ci suggerisce che se ci accettiamo nelle nostre diversità, la nostra comunione creerà amore".

Tutti i messaggi sono stati incoraggianti; i rappresentanti delle Chiese hanno dimostrato e sottolineato diverse volte che la vera unità è quella che viene da Dio. "Diventate santi e giusti, come Dio è Santo e Giusto" ha invitato il Custode, Fr. Francesco Patton nel suo discorso "Possa egli aiutarci a identificare le scelte di giustizia a cui siamo chiamati, per diventare testimoni viventi dell'Unità".

E’ stato significativo il momento di preghiera al Cenacolo, una delle poche occasioni in cui i Cristiani hanno la possibilità di pregare in questo luogo. I Benedettini della Basilica della Dormizione di Maria hanno animato il momento di preghiera e Fr. Maciej Pawlik Osb, ha posto l'accento sulla testimonianza di fede e la promozione della giustizia in Terra Santa per "usare l'ottica dell'amore per vedere il mondo, coscienti che Dio è il nostro Salvatore". 

L'ultimo incontro è stato quello di domenica presso il patriarcato Greco-Cattolico di Gerusalemme. La conclusione è stata affidata al Vicario Patriarcale Yasser Al Hayaash, il quale ha sottolineato "abbiamo sentito letture in diverse lingue e in diverse chiese, è come se parlasse tramite noi lo Spirito Santo: sembra di nuovo Pentecoste. Ho trovato una cosa che ci fa sentire davvero uniti: Cristo".


Giovanni Malaspina