I francescani invitano il Presidente dell’Autorità Palestinese alla S. Messa di Natale

Come da tradizione, il padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, ha incontrato il Presidente dell’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbàs Abou Mazzen, per invitarlo a partecipare alla solenne Messa della Natività, il 24 dicembre a Betlemme, e a condividere con la fraternità francescana la cena di Natale. L’incontro ha avuto luogo il 15 dicembre 2005, a Ramallah, ed erano presenti, oltre al Signor Presidente, il Primo Ministro Nabil Shaath, il Ministro degli Affari Esteri Nsser Al-Qudweh, e Issa Qassisieh dell’ufficio del Presidente; da parte francescana, oltre il Padre Custode, c’erano p. Artemio Vítores, vicario custodiale, e p. Ibrahim Faltas, incaricato della Custodia per le relazioni con l’Autorità Palestinese.

L’incontro, che è durato più di mezz’ora, è stato molto cordiale: il Padre Custode ha presentato brevemente le attività sociali ed educative promosse dai francescani in favore dei palestinesi, assicurando il Presidente che la Custodia ha nella mente e nel cuore la sollecitudine per Betlemme, preziosa per tutto il mondo cristiano. Ha anche sottolineato i passi compiuti presso le Autorità Israeliane in favore del passaggio dei pellegrini e di quanti vogliono recarsi a Betlemme.

Sono stati affrontati temi di comune interesse, specialmente riguardanti il dialogo cristiano-musulmano, la carenza di abitazioni per i cristiani e gli impegni della Custodia in tal senso, il grave problema della droga nella Città Vecchia di Gerusalemme, e il progetto francescano di creazione di un centro per il ricupero dei tossicodipendenti che dovrebbe trovare ospitalità ad Emmaus. Il Presidente Abou Mazzen, dopo essersi scusato per aver dovuto rimandare questo incontro fino ad oggi a causa degli impegni per le prossime elezioni, ha raccontato la propria soddisfazione per il suo incontro, in Vaticano, con Papa Benedetto XVI, sottolineando la cordialità che gli è stata riservata; ha auspicato la possibilità di una visita del Pontefice in Terra Santa.

Nel clima sereno dell’incontro, sono stati partecipati ricordi di gioventù, legati al “Terra Sancta College”, la scuola francescana che fu anche luogo privilegiato di convivenza e dialogo fra le religioni.
Questi incontri proseguono idealmente l’esempio di San Francesco, Padre e Maestro di rispetto, dialogo e fraternità con tutti gli uomini, che sono la base della presenza e della missione francescana in Terra Santa.