Dominus Flevit: prima peregrinazione di Quaresima

Il 20 marzo è la giornata che quest’anno rappresenta per la Custodia di Terra Santa l'inizio delle tradizionali peregrinazioni di Quaresima sui luoghi della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo.

E’ sul Monte degli Ulivi, il primo Santuario visitato: il Dominus Flevit - che letteralmente significa "il Signore pianse". Secondo la tradizione è qui che Gesù pianse guardando il profilo della Città Santa e parla ai discepoli della fine di Gerusalemme e del mondo (Mt 24; Mc 13 e Lc 21). Il ricordo ,celebrato in questo sito, è riportato anche nelle memorie della pellegrina Egeria, risalenti alla fine del IV secolo, la quale cita una celebrazione liturgica che avveniva in questo luogo al Martedì Santo. L'attuale Santuario, terminato nel 1956, come diversi luoghi della Terra Santa, porta la firma dell'architetto Antonio Barluzzi che lo ha progettato a forma di lacrima proprio per ricordare il rammarico, tradotto in pianto, provato dal Figlio di Dio nel momento in cui profetizza l'avvenire della Città Santa.

Proprio il Monte è stato un centro importante per la memoria dei primi cristiani: nel passato si potevano vedere sia i resti dell’antica città santa distrutta, sia una parte della nuova Gerusalemme ancora in costruzione ad opera dei romani. Alla fine del 1800 i francescani acquistarono questo terreno situato vicino alla moschea detta El-Mansuriyyeh, già in disuso al tempo, e lì sorse il luogo dove si fa memoria moderna di quell'avvenimento.

"In questo luogo, come Gesù, siamo davanti alla Città Santa" ha commentato Fr. Ramzi Sidawi, economo della Custodia nella sua omelia "e siamo invitati, come lui, a immergerci nei misteri della Settimana Santa fino ad arrivare alla Resurrezione. Ci immergiamo qui nel mistero di Dio e camminiamo con Lui fino in fondo".