Celebrazione per gli 800 anni dalla visita di San Francesco a Cipro

La Chiesa Latina di Cipro ha festeggiato l’anniversario degli 800 anni del Pellegrinaggio di Pace di San Francesco in Medio Oriente con una serie di eventi istituzionali e di iniziative collaterali che hanno avuto luogo dall’8 al 12 maggio 2019 a Larnaca, Nicosia, Limassol e Pafos. 

Benché non siano state ritrovate delle fonti dirette, è molto probabile che San Francesco sia approdato a Cipro o nel viaggio di andata o in quello di ritorno sulla via di Damietta (dove ci fu il famoso incontro col Sultano d’Egitto Melek El Kamel nel 1219), in quanto l’isola di Cipro costituiva un’importante e frequentata base di appoggio per le navi sulla via della Terra Santa e dell’Egitto. I Frati Minori si insediarono a Cipro fin dai primordi della storia dell’Ordine ed oggi la Custodia di Terra Santa ha la cura della pastorale dei cattolici di rito Latino per incarico del Patriarcato Latino di Gerusalemme, di cui Cipro fa parte. Il convento della Santa Croce a Nicosia è inoltre sede della Nunziatura Apostolica, per cui il superiore locale è al contempo Rappresentante del Custode di Terra Santa, Vicario Patriarcale e Attaché del Nunzio Apostolico. Con ciò si sottolinea anche il ruolo diplomatico, oltre che ecclesiale, della Custodia di Terra Santa a Cipro. 

Questo aspetto ha avuto il suo momento celebrativo il 9 maggio a Nicosia nel Palazzo Presidenziale, in una serata commemorativa alla quale era invitato il corpo diplomatico accreditato nella Repubblica di Cipro e le autorità religiose cristiane e musulmane. In assenza del presidente Nicos Anastasiades, occupato all’estero in un vertice europeo, il discorso di benvenuto è stato tenuto dal Vicepresidente della Repubblica [Acting president] e Presidente del Parlamento [House of Representatives] Demetris Syllouris. 

Syllorius si è detto “particolarmente felice per questo evento commemorativo al Palazzo Presidenziale. Esso dimostra precisamente i nostri legami molto stretti e fraterni con i Latini di Cipro, che, come ho notato in altre occasioni, costituiscono una parte molto dinamica e speciale del nostro popolo”. Riferendosi alla situazione politica al tempo della Quinta Crociata, l’ ”Acting President”ha richiamato la situazione di conflitto che la Repubblica di Cipro vive ancora attualmente nel rapporto con la Turchia, ricordando che lo slancio per la pace, il dialogo e la muta comprensione, inaugurato dall’incontro tra Francesco e il Sultano, è una necessità anche oggi.

Alla fine del suo intervento il Presidente ha voluto ringraziare per il suo lavoro il Rappresentante della Comunità Latina in Parlamento Antonella Mantovani e il Vicario Patriarcale dei Latini P. Jerzy Kraj per l’organizzazione dell’evento. Tra gli altri hanno preso la parola anche il Custode di Terra Santa P. Francesco Patton e il Nunzio Apostolico Mons. Leopoldo Girelli.

I discorsi sono stati intervallati da momenti coreografici e musicali curati dagli allievi della St. Mary’s School di Limassol e del Terra Santa College di Nicosia. Durante la cerimonia il Custode di Terra Santa ha consegnato alcuni riconoscimenti a personalità e rappresentanti di Istituzioni che si sono distinte per il loro impegno per il dialogo e la pace e per la collaborazione con la Chiesa Latina di Cipro. Assente per improvvisi motivi familiari, il mufti diCipro Talip Atalay ha chiesto all’arcivescovo maronitaMons. Joseph Souaif di ritirare il riconoscimento in sua vece: questo gesto è stato interpretato come segno di collaborazione interreligiosa e di buoni rapporti.

All’inizio della serata una breve rievocazione storica è stata offerta da P. Noel Muscat, professore dello Studio Teologico di Gerusalemme, che il giorno seguente sarebbe intervenuto in maniera più ampia alla conferenza tenutasi all’Università di Cipro, dove un’importante relazione sulle fonti e sugli effetti dell’incontro di San Francesco col Sultano è stata svolta da P. Jason Welle del Pontificio Istituto di Studi Arabi e d’Islamistica. 

A corredo delle iniziative istituzionali e accademiche il Terra Sancta Organ Festival ha offerto quattro concerti legati alla figura e alla vita di San Francesco: l’organista italiano Ferruccio Bartoletti ha improvvisato sulla base del film muto italiano del 1918 “Fratello Sole”, con le didascalie del film appositamente tradotte in Greco ed Inglese.

Riccardo Ceriani

 

Pictures: Press and Information Office, Ministry of Interior, Republic of Cyprus - https://www.pio.gov.cy/en/gallery.html?galAlbum=1112