Beit Sahour: Inaugurato il Pilgrim Center al Campo dei Pastori

Sta pian piano prendendo vita il progetto che a Beit Sahour inserisce nell'area del Santuario del Campo dei Pastori nuove strutture di ricezione e di preghiera per pellegrini. Sabato 27 agosto, con l'inaugurazione del centro d'accoglienza dei visitatori (Pilgrim Center), si è fatto un ulteriore passo avanti verso il completamento dei lavori che stanno interessando questo celebre luogo santo, in cui si ricorda l'annuncio ai pastori della nascita del Salvatore (Lc, 2-14). Nella stessa occasione, sono state benedette le fondamenta della Cappella San Francesco d'Assisi e Sant'Antonio da Padova, anche chiamata "Cappella Palestina".

Ad inaugurare la nuova struttura è stato il Custode di Terra Santa, Fr. Francesco Patton, accompagnato dal promotore del progetto, Fr. Marcelo Ariel Cichinelli, dal vicario di Terra Santa, Fr. Ibrahim Faltas, dal Presidente della Franciscan Holy Land Foundation, Fr. Peter Vasko e dal Superiore Locale di Campo dei Pastori, Fr. José Maria Falo Espés. Alla cerimonia era presente il Ministro del Turismo e delle Antichità dell'Autorità Nazionale Palestinese, la sig.ra RulaMaay'ah e un esponente della famiglia betlemita che ha finanziato la costruzione della Cappella Palestina, ing. Nayef Gaby Mauge. Quest'ultimo è intervenuto a nome del cugino, sig. Kamal Anton Issa Hazboun, che nel solco di una tradizione familiare risalente agli inizi del secolo scorso, ha fatto dono alla sua terra di un luogo di culto da condividere con i suoi concittadini palestinesi e con le prossime generazioni di fedeli, locali e stranieri.

Prima di lui ha parlato il Custode di Terra Santa, che di fronte ad una platea di autorità e cittadini entusiasti, ha espresso soddisfazione per lo sviluppo che il Santuario sta attraversando e per l'importanza che questo rappresenta per la Custodia nell'accoglienza dei pellegrini. Prima della benedizione dei locali è intervenuta poi il Ministro del Turismo, sottolineando l'impatto positivo che questa iniziativa sta avendo ed avrà per il territorio, in termini di occupazione e di prospettive di crescita del turismo religioso in Palestina.

Dopo la benedizione del Pilgrim Center, struttura recettiva di accoglienza dei pellegrini che include spazi adibiti al ristoro, è stato poi il turno della benedizione delle fondamenta della cosiddetta Cappella Palestina, dedicata ai santi Francesco d'Assisi ed Antonio di Padova, generosamente donata dalla famiglia Hazboun di Betlemme. Prima del rito, all'interno di un incavo pavimentale è stato deposto un involucro contenente delle monete di vario conio, una croce, la regola francescana, il discorso scritto del Custode e un foglio con le firme dei presenti. Il gesto simbolico ha inteso rappresentare una testimonianza per i posteri in caso di futuri scavi archeologici.

L'estensione e aggiornamento del sito con nuovi edifici e cappelle si sono resi necessari a causa delle difficoltà a ricevere un sempre maggior numero di fedeli presso le preesistenti  strutture di accoglienza e a quelle destinate alle celebrazioni liturgiche dei pellegrini, la cui richiesta di spazi adibiti alla fruizione di grandi eventi, quali le sante messe durante le feste di Natale, si è rivelata via via con gli anni sempre più urgente. In tempi recenti la Custodia di Terra Santa ha dunque deciso di rimodulare le superfici dell'area al fine di rendere il santuario più godibile da parte dei pellegrini e degli abitanti locali, attirati dall'idea di ritirarsi in questo luogo per vivere pienamente e più comodamente i momenti di raccoglimento e di preghiera.

Il progetto prevede la riqualificazione dell'area del convento di Campo dei Pastori attraverso il restauro dell'area archeologica e la realizzazione, in più fasi, di dieci cappelle nazionali - cinque superiori e cinque inferiori -, una sacrestia eun'area di accoglienza e ristoro per i pellegrini.

 

Filippo De Grazia