Celebrazione di alcuni anniversari di Frati di Terra Santa

Domenica 13 novembre 2005, nella chiesa del convento di San Salvatore a Gerusalemme, si è tenuta una solenne concelebrazione eucaristica per rendere grazie al Signore per diversi anniversari di alcuni confratelli francescani, che servono la Terra Santa da molti anni.

La S. Messa è stata presieduta dal P. Lino Cignelli, insegnante dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, che festeggiava 50 anni di ordinazione sacerdotale compiuti il 17 luglio scorso. Al suo fianco, come primo e secondo concelebrante, il P. Antonio Foley e il P. Claudio Baratto, che celebravano 60 anni di ministero presbiterale, compiuti rispettivamente l’8 luglio e il 29 giugno scorsi.

Tra i concelebranti si distinguevano il P. Jack Karam, sacerdote da 25 anni e unico dei festeggiati ad essere nativo della Terra Santa (Galilea), il P. Jerzy Kraj, guardiano del convento di San Salvatore, religioso francescano dal 30 settembre del 1980, e quindi festeggiato per i 25 anni di vita religiosa, e il P. Giorgio Colombini, religioso francescano da 60 anni lo scorso 2 febbraio. Tra i fedeli che hanno assistito alla celebrazione eucaristica erano presenti i festeggiati P. Nicola Gaeta, P. Pacifico Gori e P. Simone Arnaldi, a ricordare i loro 70 anni di vita religiosa (rispettivamente il 30 settembre, il 17 settembre e il 7 agosto scorsi).

Assenti per causa di forza maggiore altri due festeggiati, il P. Vianney Delalande (anch’egli al bel traguardo di 70 anni di vita religiosa, il 18 settembre scorso) e Fr. Fabian Adkins (50 anni di vita religiosa il 18 febbraio scorso). Un posto d’onore in presbiterio è stato riservato per un festeggiato eccezionale: Fr. Salvatore Comunale, che ha compiuto il 14 novembre 100 anni di vita, e che serve la Custodia di Terra Santa da più di 60 anni, di cui più di 40 spesi come collettore nel Commissariato di Terra Santa di Napoli. Al termine della celebrazione eucaristica i festeggiati e gli ospiti sono stati invitati nei locali della parrocchia francescana di San Salvatore ad un rinfresco, a cui ha fatto seguito il pranzo con la fraternità del convento.

L’iniziativa è partita dal P. Jerzy Kray, uno dei festeggiati, che ha pensato di riunire in un unico rendimento di grazie a Dio i diversi anniversari che cadevano nell’anno. In questo modo si è potuto dare maggiore solennità agli avvenimenti, altrimenti a rischio di passare sotto tono nelle fraternità più piccole, celebrandoli nel convento di San Salvatore, adatto per queste grandi celebrazioni.